Chi sono

Benvenuto su Fysis,

mi chiamo Aldo Bongiovanni, vivo a Villanova Mondovì (CN), sono appassionato di alimentazione e cucina fgtin chiave naturaletematiche ambientali.
Lavoro al Molino Bongiovanni, l’azienda di famiglia, dove produciamo e commercializziamo sfarinati biologici, materie prime e alimenti naturali di ogni genere.

Nella vita, oltre al lavoro, ho un ossessione per la lettura (leggo in media 1 libro a settimana) e ne scrivo almeno uno ogni anno (vedi), pratico atletica leggera (maratona e distanze intermedie) e il triathlon.

Ho un automobile ibrida, uno scooter totalmente elettrico (che uso per recarmi al lavoro e carico con i pannelli fotovoltaici), un ufficio in legno e cartone.

Sono simpatizzante per il buddhismo Gelupa.

Allevo insetti edibili e li mangio abitualmente, infatti sono stato a tratti entovegetariano ma ho trovato difficoltà nel seguire tale “dieta” fuori casa, pertanto ho virato verso il flexitarianismo (ho un consumo di carne di soli 300-400g/mese).

Ho scelto il flexitarianismo per questioni ambientali ed etiche.

1488233_10202567894628899_1046093787_n
Se desideri consultare i siti della mia azienda visita www.bongionatura.it

138 Commenti

  1. ayshe maria
    ayshe maria at |

    bè intanto complimenti per questo blog! è davvero carino e complimenti per te(posso darti del tu?)non pensavo fossi cosi giovane!!
    scherzi a parte,anch’io sono una mezzofondista.per ora corro su strada,ma penso che da quest’anno scenderò in pista per affrontare le gare di velocità.
    sono una vostra cliente da un bel pò e seguo tassativamente la zone che mi ha fatto migliorare molto nel mio sport.
    Comunque buon lavoro e grazie per gli ottimi prodotti e per i prezzi davvero interessanti!

  2. Aldo
    Aldo at |

    Grazie,
    certo che puoi darmi del tu, non ci sono problemi.
    La corsa è per me vitale, mi piace proprio tanto. Nonostante il lavoro mi occupa molto tempo, riesco a ritagliarmi un’ora tutti i giorni per l’allenamento.
    In ogni caso, tra tutte le gare, prediligo la mezza maratona: è un distanza che mi piace molto e in cui riesco ad esprimermi al meglio.
    La maratona è di nuovo una distanza che mi piace, ma credo che alla lunga comprometti le articolazioni, come lo compromettono le gare in montagna (quando c’è molta discesa).

    Ciao e buona navigazione
    Aldo

  3. Giuseppe Pagano
    Giuseppe Pagano at |

    Ciao Aldo sono un cliente di Tibiona.

    Anch’io pratico il running, ma per questioni di tempo mi fermo ai 15 km…..è uno sport fantastico!!!

    Complimenti per il blog molto interessante 😉

    Bye

  4. Paolo Borghesi
    Paolo Borghesi at |

    Ciao, sono un affezionato cliente estero TIbiona.
    Complimenti per questo blog ( qualche ricetta ci voleva proprio 🙂
    e per i risultati dell’ azienda Bongiovanni !
    Continuate cosi’ !

    Ciao
    Paolo

  5. Maria Eugenia Bongiovanni
    Maria Eugenia Bongiovanni at |

    Hola me llamo Maria Eugenia Bongiovanni, soy Argentina, tengo 37 años y vivo en la ciudad de Cordoba en Argentina, mi abuelo vino de Italia de niño, solo estaba en internet puse mi apellido en google y salieron ustedes entre otros senti curiosidad por saber si tendremos algún lazo familiar, bueno si les interesa mandemen un mail.
    Muchas gracias! María Eugenia

  6. Luca
    Luca at |

    Caro Aldo, complimenti per il bellissimo sito.
    Credo però che la tua affermazione “Non sono vegetariano e nemmeno vegano perché penso che qualunque estremo non sia razionale” sia un po’ strana: prima dici giustamente che l’alimentazione vegetariana / vegana non provoca alcuna carenza alimentare (e proprio qui molti benpensanti male informati potrebbero darti dell’estremista), poi – proprio laddove nessun “carnivoro” potrebbe darti torto – dici invece che mangiare di tanto in tanto carne non inficia la salute e l’ambiente? Ma come? Davvero pensi che ci debba essere un limite del tipo “non esageriamo con l’eliminare la CO2 o i gas serra? 🙂
    OGNI bistecca allevata danneggia il pianeta e toglie cereali all’uomo!

    E poi, soprattutto, ogni bistecca è un animale morto…

    Ma non voglio certo convincerti di qualcosa, bensì farti ancora i complimenti per il bel sito e per la bella attività!

  7. lelio bottero
    lelio bottero at |

    Eccolo qui l’amico Aldo. Una delle persone più vere, convinte (e coerenti) che conosca. Tenetelo d’occhio che ne farà di strada.
    Speriamo di farne anche un po’ insieme….
    a presto
    Lelio

  8. Aldo
    Aldo at |

    Grazie Lelio, mi fai arrossire 🙂
    Se lo dici tu che farò strada, mi convinco, tu sei un “arrivato” e come tale sai certamente fare affermazioni plausibili.
    Approfitto per segnalare la tua fantastica guida sulle birreria artigianali di qualità: Lelio Bottero – La Birra Artigianale – Ed. Gribaudo.

    Un abbraccio
    Aldo

  9. daniela
    daniela at |

    Ciao Aldo,
    sito interessante, che tornerò a visitare. Avrei due domande per te:
    1. Sai indicarmi punti di vendita in toscana dove potrei trovare le vs. farine, in alternativa all’acquisto online?
    2. A quando il manuale delle farine? Visto il tenore molto operativo della sezione ricette penso mi piacerebbe poterlo leggere…
    Infine complimenti per la serenità e l’equilibrio con cui esponi le tue convinzioni, anche a fronte delle critiche. Buon lavoro e buona corsa!
    daniela

  10. Aldo
    Aldo at |

    Ciao Daniele,
    grazie per i complimenti: sono sempre ben accolti 😉
    Con piacere rispondo alle tue domande:

    1- Puoi chiedere a questa ditta: http://www.effegi-gastronomia.it , mi distribuiscono i prodotti in quella zona e di sicuro sanno indicarti il negozio più vicino.

    2 – Proprio ieri mi è arrivata la bozza per l’ultima verifica, penso che a gennaio ci sia. Sono 113 pagine in cui descrivo farine, cereali, legumi, semi oleosi + una carrellata di ricette.
    Sarà mia cura mettere un post appena è pubblicato.

    Un caro saluto
    Aldo

  11. rose-line
    rose-line at |

    ciao aldo,
    ho scoperto con piacere e interesso il tuo blog.
    ho ed i miei abbiamo la fortuna di mangiare il pane con lievito madre che faccio io, lo vendo anche a amici e perciò vorrei sapere dove sono distribuite le vostre farine dalle mie parte, a Cerveteri – Manziana. Mi piace usare diversi tipi di cereali e di semi, tra l’ altro faccio biscotti secchi e fragranti ogni settimana, insomma utilizzo tanta farina.
    Comincia da noi infondere buone abitudini alimentari alle nostre famiglie ed è con la nostra passione ed il nostro impegno che si trasmettono.
    un saluto, rose-line

  12. FrancescaV
    FrancescaV at |

    piacere di conoscerti 🙂 Anche io prediligo l’utilizzo di materie prime non trattate e bio. Vado a leggermi un po’ delle ricette che proponi.

  13. izn
    izn at |

    Ciao, volevo farti i miei complimenti perché gli argomenti che tratti sono molto interessanti. Vorrei chiederti come mai è molto difficile trovare farina di tipo 1, perché io non amo molto il pane completamente integrale e questo sarebbe un buon compromesso per avvicinarmici. Sul mio blog ci sono tante ragazze che sarebbero interessate a questo.
    Ho anche un’altra domanda da farti: come si fa a sapere da quanto tempo è stata prodotta una farina? sul pacco c’è solo la data di scadenza, ma non quella di produzione.
    Grazie, e scusa le tante domande, naturalmente ti linko sul mio blog 🙂

  14. Valeria
    Valeria at |

    Ciao Aldo,

    ho acquistato la farina di fagioli dal vostro sito ma non so bene come utilizzarla. Ho provato ad aggiungerla all’impasto del pane con pasta madre nella misura di 1/3 ma il risultato non mi ha soddisfatto.
    Hai qualche suggerimento e/o ricetta? Ho letto da qualche parte che si possono fare dei biscotti, ma non ho trovato nessuna ricetta.

    Grazie,
    Valeria

  15. Rosi
    Rosi at |

    eccomi ancora quà!
    Ti chiedo una cosa, ma la dieta a zona in che consiste???
    E se posso datri un suggerimento, (che mi interessa in prima persona!) potresti fare una parte dedicata alla celiachia…..intolleranza che oggi ,purtroppo colpisce sempre più persone, e io essendo a dieta aglutinata da 5 anni, mi rendo conto che in giro c’è ancora tantissima ignoranza in materia, che ci limita molto nella vita sociale!(su questo argomento ti potrei aiutare!)
    Complimenti per tutti gli argomenti che sono trattati, molto curati e interessanti!
    Ciao Ciao

  16. claudio
    claudio at |

    ciao,
    ho scoperto le farine degli antichi mais piemontesi e le sto usando (con successo) nella nostra trattoria, che propone solo piatti a base di polenta; spesso i miei clienti mi chiedono spiegazioni sulle farine (8file, pignulet, quarantina) tipo che differenza c’è, se le varie qualità sono legate alle stagioni ecc., puoi dirmi dove posso trovare queste informazioni?

  17. vanni
    vanni at |

    ciao, Aldo,
    come vedi sono andato a curiosare nel tuo sito, ma non ho trovato ancora il filmato sulla preparzione del lievito madre.
    Appena lo pubblichi fammelo sapere.
    vanni.

  18. Vincenzo
    Vincenzo at |

    Carissimo,
    ho guardato com molto interesse il filmato sulla preparazione del lievito madre ma purtroppo ache con il volume al massimo non si sente niente. Come mai ? E’ un problema mio?
    Salutissimi.
    Vincenzo

  19. liliumdavidii
    liliumdavidii at |

    Ciao Aldo,
    Ho da poco acquistato da voi vari prodotti e ho qualche domanda da farti per utilizzarli al meglio…
    1) Pasta acida essiccata: sull’etichetta dice di utilizzarla al 2%. si riferisce al totale di farina in peso? visto che utilizzo la macchina per il pane, potresti darmi qualche consiglio per l’utilizzo insieme al lievito di birra?
    2) farina di fiocchi di avena, una volta aperta, qual’e’ il miglior modo di conservarla?
    3) stessa domanda per la farina di lupini, manitoba e integrale di grano duro. In generale posso usare dei contenitori ermetici? te lo chiedo perche’ ho preso 5 chili di grano duro integrale e almeno per un poco da qualche parte dovra’ stare…

    ti ringrazio molto, vado a cercare un posto per gli otto chili di farine arrivati oggi.. sotto il letto ci stara’?

    Davide

  20. Claudio
    Claudio at |

    Ciao Aldo.
    volevo sapere se per caso fornisci gia’ dei Gas lombardi, e quali eventualmente.
    Per caso, hai anche spazio per ospitalita’, se decidessi di passare a farti una visita e volessi fermarmi?

    Grazie,
    Claudio

  21. Aldo
    Aldo at |

    Ciao Claudio,
    in lombardia serviamo il gas di Cesate mentre per l’ospitalità tieni in considerazione che noi, direttamente, non la forniamo ma posso suggerirti alcuni b&b vicino al mulino che lo fanno a prezzi modici.
    Tuttavia se passi tra circa 1 mese e mezzo siamo nella nuova sede e sicuramente avrai modo di visitare tutto molto meglio, adesso come adesso, stiamo smontando un pò tutto e il negozio è poco servito.

    Ciao
    Aldo

  22. Marcello
    Marcello at |

    ciao.
    ho acquistato tempo fa le farine on line è sono eccezionali.
    Ti scrivo solo per dirti che anche io ho una Prius…… macchina splendida con un solo difetto. Non riesco a cambiarla con nient’altro… anche una Ferrari mi farebbe fare un passo indietro nell’evoluzione….
    ciao
    marcello

  23. Barbara
    Barbara at |

    Ciao Aldo,
    ho da poco iniziato il percorso con la pasta madre e ieri ho provato a realizzare il mio primo pane utilizzandone il 20%.
    Il risultato però è stato pessimo!!!Il pane aveva un sapore cattivissimo e non era per niente lievitato.
    Tieni presente che la mia pasta madre (di circa 10 gg. e non ancora attiva al 100%) aveva un odore decisamente gradevole e anche il colore lasciava credere fosse in “salute”.
    Ho preparato l’impasto la sera precedente, ho lavorato nuovamente l’impasto verso le 17.00 del giorno dopo e ho infornato alle 19.00. (l’impasto è rimasto tutto il tempo a temperatura ambiente coperto dal solito panno e pellicola).
    Ho forse esagerato con la lievitazione???? O devo buttare tutto e riprovare con una pasta madre nuova?? Grazie mille per la tua preziosa consulenza!!!
    barbara

  24. Grazia
    Grazia at |

    Ciao Aldo, complimenti davvero per quello che offri, sia in informazione che in incentivo per promuovere l’autoproduzione. Mi piacerebbe contattarti personalmente riguardo alcune domande di carattere non personale, s’intende =)))), ma prettamente personale … che non s’intende proprio =)))). E’ possibile avere un contatto? Grazie! Grazia =)

  25. Maurizio (scorpionillo)
    Maurizio (scorpionillo) at |

    Ciao Aldo,

    sono un cliente del vostro negozio.
    Apprezzo i vostri prodotti e li uso per le mie esperienze di panificazione. In particolare sono soddisfatto quando inserite in catalogo nuovi prodotti da usare a tal fine, vedi il lievito attivo di farro.
    Prima dell’estate avevo fatto richiesta di mettere in catalogo farine di frumento con un W più elevato di quello attualmente disponibile (260). Mi avevi detto che lo avreste fatto dopo le ferie, date la numerose richieste ricevute da vari clienti.
    Vorrei sapere se ci state lavorando e quando tali prodotti saranno disponibili.
    Grazie

  26. Maurizio
    Maurizio at |

    Ciao Aldo,
    preferisco aspettare le confezioni da 10 kg in quanto per il mio uso 25kg sono troppi, e poi devo acquistare anche altri tipi di farina.

    Se puoi avvertimi quando le nuove farine saranno in catalogo.
    Ciao
    Maurizio

  27. maurizio (scorpionillo)
    maurizio (scorpionillo) at |

    Ciao Aldo,
    un ringraziamento prima di tutto per i consigli e l’assistenza che ci dai e che difficilmente è possibile trovare On Line o dai professionisti della panificazione: al massimo ti dicono mezze verità che non servono a risolvere i nostri problemi.
    A questo proposito ti porrò ora dei quesiti ai quali spero tu possa rispondere.
    Ho ricevuto l’ultima fornitura delle vostre farine inclusa la W350 che ti avevo chiesto di mettere in catalogo.
    Ho fatto il lievito madre con la farina di farro come da tua ricetta e l’ho utilizzata per realizzare il pane. Il problema è che il prodotto che ottengo ha un odore ed un sapore acidulo abbastanza forte che a non tutti è gradito. Ora ti domando, e spero che tu possa rispondermi: perchè mai nel pane , oppure nei panettoni o nei pandori che compro sul mercato, e che è dichiarato esser stati fatti con lievito naturale, questo sapore non si avverte assolutamente? Mi viene il dubbio che io sbagli qualcosa nel fare il lievito oppure i professionisti non dicono tutta la verità sul metodo di lievitazione, e che ci sia qualche altro modo di produrre il lievito naturale.
    Se vai su You Tube si trovano clips di fornai o pseudo tali che trattano il lievito madre come se fosse un figliolo. Gli fanno i bagnetti, lo fasciano, lo rinfrescano ma non c’è nessuno che faccia vedere il procedimento dal principio e per tutta la durata. Sinceramente ho invidia nel vedere quella bella pasta color avorio che lievita in quattr’ ore dentro le buste di plastica o nei catini del bucato e quando la tagliano per prenderne il cuore mostra delle belle bolle di lievitazione. Io, nonostante tutti i miei tentativi io non son mai riuscito ad avere tali risultati.
    Ti saluto Aldo. Scusa il mio sfogo e spero che tu mi sappia dare qualche buon consiglio o svelarci qualche bel segreto.
    A presto
    Maurizio

  28. maurizio
    maurizio at |

    Ciao Aldo,
    ti ringrazio per la tua solerte risposta e per le dettagliate spiegazioni.
    La mia p.m. non presenta nessun segno di muffe. Ha un buon profumo di aceto e cresce dopo il rinfresco.
    Ne ho misurato anche il PH che risulta essere di circa 4 o 4,5 che mi pare debba essere il valore da ottenere per utilizzare la P.M. Il problema è quello che ti ho descritto. Ora metterò in pratica i tuoi metodi e poi ti riferirò i risultati. Mi pare strano che gli altri utenti del blog non abbiano riscontrato gli stessi miei problemi.
    Se hai qualche buon consiglio in proposito o qualche espediente da pasticcere, non mancare di farcelo conoscere. Il mio obiettivo (utopico?) è quello di ottenere un buon panettone artigianale.

    Ciao Maurizio

  29. Tullio
    Tullio at |

    Caro Aldo,
    ho un problema che come vedi dall’orario non mi manda ancora a letto.
    Scherzi a parte è da un po’ di tempo che panifico con il LM usando la MDP. La ricetta che uso è costituita per 2/3 da una miscela di farina Manitoba/0/00 e da 1/3 di farina di farro (totale 450gr.).
    A questo aggiungo 280gr. di acqua, 40gr. di LM, 10gr. di zucchero ed altrettanti di Olio di oliva. Il programma della MDP prevede 15′ di impastamento seguiti da 9ore di 1^ lievitazione, quindi un ulteriore impastamento per altri 18′ seguiti da una 2^ lievitazione di 1h50′ alla quale segue la cottura. Debbo dire che i risultati per me sono stati più che soddisfacenti. Da qualche giorno, però, dopo che mi è giunta la tua farina ai multicereali, ho provato a sostituirla a quella di farro e qui mi si è scombinato tutto. Il pane lievita poco ed è parzialmente collassato. Ho provato a ridurre il lievito a 35gr., ma il risultato non è cambiato. Premetto che l’impasto alla fine della prima lievitazione è perfetto, ma dopo il secondo impastamento lievita poco (praticamente la metà). Mi puoi aiutare?
    Grazie e scusa per la prolissità della domanda, ma spero di essere stato chiaro.
    Un caro saluto (come dici tu),
    Tullio

Per favore commenta con il tuo vero nome e con linguaggio adeguato

Scrivi un commento