Articolo scritto da

6 Commenti

Page 1 of 1
  1. Cuda Domenico
    Cuda Domenico at |

    Salve io sono interessato a fare un panificio a Bolzano e produrre del pane casareccio tipo toscano e avrei piacere di trovare qualcuno a consigliarmi per comprare il forno se siete in grado di consigliarmi ne sarei grato.
    In attesa ringrazio
    distinti Saluti.

  2. Elena
    Elena at |

    Salve Aldo,
    da circa un anno ho iniziato a fare il pane in casa perchè ero stufa di mangiare del buon pane di segale solo in Alto Adige in vacanza e pagarlo in città più di 5€ al kg!!!
    Io ho due forni, uno elettrico ed uno a gas largo 80cm (di nuova concezione e sicuro ovviamente). L’ultimo (a gas) me l’ha venduto chi mi ha venduto la nostra attuale casa per problemi di spazio, ai tempi avevo giurato che non l’avrei mai usato e…invece….ormai quello elettrico lo uso come dispensa 🙂 e nell’altro faccio di tutto, soprattutto il pane e i lievitati dolci. Bisogna farci la mano con la temperatura e con il posizionamento della grigria dove appoggiare le tortiere/teglie perchè il caldo arriva solo dal basso ma è un portento e si scalda molto rapidamente….
    Altri vantaggi/svantaggi? Accetto consigli!

    Grazie mille
    Elena

  3. aziz
    aziz at |

    bonjorno voglio un forno a tubi ber fari pani a 3 piano 4 spolteli fonziona con la lignia usato .grazie

  4. alessandro pozzato
    alessandro pozzato at |

    Buongiorno, sono di Torino e con alcuni amici sto aprendo un laboratorio alimentare, volevamo produrre pane senza glutine vorrei sapere se poteste indirizzarmi verso qualche modello di forno in particolare , non sono molto esperto, e visti i prezzi dei forni professionali volevo sapere quale fosse quello più adatto, e soprattutto quanto pane possa produrre un 18 o 16 teglie, grazie della disponibilità.
    Alessandro Pozzato

Per favore commenta con il tuo vero nome e con linguaggio adeguato

Scrivi un commento