Articolo scritto da

50 Commenti

Page 1 of 1
  1. Lucia
    Lucia at |

    Aldo!!

    e con le trafile del’impastarice hai provato?

    fammi sapere

  2. isabella
    isabella at |

    io provero’ a cercarla in farmacia sono molto curiosa, nel provarli a fare. un trucco che io uso per non far attaccare la pasta, che risulta appiccicosa è mettere un goccio di olio nell’acqua di cottura………………….non fa attaccare la pasta

  3. annalisa
    annalisa at |

    ciao dove compri la farina di konijac?? io li compro già fatti con costi elevati quindi ottima idea grazie :-)

  4. salvatore
    salvatore at |

    sarei interessato a comprare la farina di glucomannano… qualcuno sa dirmi come fare?

  5. Tania
    Tania at |

    Veramente interessante per la mia dieta…, volevo chiederti se non si potrebbe impastare anche con l’uovo…
    Grazie.

  6. laura
    laura at |

    ho intenzione di provarla per la mia dieta, sapete dirmi se con questa farina si può fare anche il pane o focacce?, sarebbe un comodo sostituto se uno vuole farsi una focaccia :-)

  7. riccardo
    riccardo at |

    Aggiungi un cucchiaio di farina e un uovo.
    la farina in se e poca ma dona gusto.
    l uovo colora amalgama e da gusto
    ciao

  8. Silvia
    Silvia at |

    Come mai il solfato di calcio nella preparazione dell’impasto? A cosa serve, se ne puo’ fare a meno? E ancora, arriverà il giorno che distribuirete i vostri prodotti nei negozi e nei supermercati?

  9. Silvia
    Silvia at |

    Grazie, Aldo, della risposta. Una mia riflessione; da quello che so, il konjac – pianta nativa della zona subtropicale temperata asiatica (Amorphophallus konjac ) – non è coltivato in Italia. E immagino che la sua farina venga importata dal Giappone, come del resto tanti altri prodotti, alghe, tofu, umeboshi ecc. e questo probabilmente ne giustifica l’alto prezzo. Ora, non è arrivato il momento di coltivare il konjac in Italia a km. 0 con prezzi abbordabili per tutti – pensiamo a tanti obesi, celiaci ecc. che potrebbero trarne giovamento – e con agricoltura biologica sul posto più verificabile? Vediamo il successo del kivi, importato in Italia solamente da pochi decenni, per esempio. Ancora, nelle campagne mi sembra proprio arrivato il momento di abbandonare progressivamente la zootecnia a favore dell’agricoltura, per tutto quello che si sa. Rivolgo a te la questione perché se non sei coltivatore diretto, hai sicuramente contatti con gente del ramo.

  10. Silvia
    Silvia at |

    Grazie Aldo, è proprio arrivato il momento di migliorare le nostre risorse agricole, e di tornare alla terra, alla nostra terra fin dove possibile, con benefici per tutti. Aspetto notizie!

  11. fab
    fab at |

    io li compro secchi su zen pasta ma provero a farli…. cmq, come si fa a togliere la gommosita’… a me da fastidio sentire il gommoso e poi non assorbono i sughi…. e perche nelle vs foto sono bianchi come la pasta ? i miei sono trasparenti…sbagliero io qualcosa di sicuro nel trattarli.. grazie mille per le info

  12. Zeljka
    Zeljka at |

    Ho trovato la farina di konjac su questo sito dopo una ricerca e devo dire che il prezzo è ottimo, il prodotto è certificato e sopratutto confezionato in Italia!
    Ma il solfato di calcio non riesco a trovarlo neane in farmacia!
    Fatemi sapere dove poterlo reperire……Grazie!

  13. frugiter
    frugiter at |

    per il solfato di calcio consiglio di andare in particolari farmacie, dove producono prodotti galenici, cioè quelle farmacie che preparano ancora i farmaci nei loro laboratori su richiesta dei medici curanti
    le altre farmacie non hanno questi ingredienti strani, ma le farmacie galeniche sì. Fatevi dare i nominativi dalle vostre farmacie di fiducia

    La pistola che hai postato non è una spara biscotti ma un’estrusore per pasta di zucchero ha le trafile molto piccole e anche lo spazio all’interno della siringa è limitato

  14. monica
    monica at |

    Buona sera, vorrei chiedere il vostro parere circa una farina di glucomannano che ho comprato in farmacia: è di colore beige scuro e anche dopo la cottura con acqua e un pizzico di solfato di calcio rimane di colore scuro, non come gli shirataki che si comprano immersi in acqua che sono bianchi anzi trasparenti. Sarà avariata? Mi spiace buttarla via, ne ho comprati due etti ….

  15. monica
    monica at |

    Grazie mille Aldo!

  16. gracy
    gracy at |

    La farina di konjac di solito è bella bianca. Il fatto che la pasta sia più o meno bianca o trasparente dipende dalla % di glucomannano che c’è nella farina. Più ha % di glucomannano più è bianca ed anche di più qualità. Colore trasparente = più bassa qualità. Quelli di Zen-pasta sono più dolci perchè contengono lo sciroppo di tapioca, infatti sono anche molto più calorici di quelli venduti in acqua. Per la coltivazione della pianta ci vuole un’altitudine di 500 mt. circa nonchè un clima subtropicale.

  17. donatella
    donatella at |

    Ciao
    ho provato a farli…ma non si maneggiano..devo mettere più solfato ??oppure più farina??grazie
    attendo tue preziose informazioni

  18. ste
    ste at |

    ho tentato anche io a farli, sia con farina di riso che con farina di mais come farina per stendere poi l’impasto ma effettivamente non si maneggia….aime’… occorrerebbe capire come trattare l’impasto per renderlo maneggiabile senza dovere aggiungere farina su farina che poi fa’ perdere il discorso dell’assenza di carbuidrati….cosi’ come’ descritto sopra non e’ fattibile senza rendere l’imasto intriso di farina d’altra natura fuori dal konjac

  19. Linda
    Linda at |

    .. ma se infilassimo il blob in una sac-a-poche .. e da lì – tagliando a misura desiderata – tuffare direttamente in acqua gli spaghetti??
    Non sembra una cattiva idea, no?

  20. Linda
    Linda at |

    altra cosa: tu dici che serve una puntina di solfato di calcio, ma nelle confezioni, vedo scritto fra gli ingredienti, l’idrossido di calcio, che è una cosa diversa.
    Confermi quindi che serve il solfato???
    grazie

  21. enrica
    enrica at |

    Sono curiosa di farla in casa. …..ma siamo sicuri che le calorie non se ne vanno a quel paese? Io da poco ho comprato quelli in acqua….1.60 x 250gr…..e il bello che con questi ho paura che ci siano tante calorie…..xke noto e ho letto che alcuni hanno 80calorie.altri 10 altri 5…..insomma efettivamente ? ?Ora questi fatti in casa…..

  22. Linda
    Linda at |

    ciao enrica,
    su zenpasta c’è una schermata coi valori nutrizionali .. e per quelli secchi, vengono dichiarate 28 cal per 100 g.

    Aspetto invece una risposta da Aldo sull’uso di solfato o idrossido di calcio.

    grazie

  23. Nazza
    Nazza at |

    Salve, li ho fatti senza il solfato di sodio, l’impasto non è compatto, ma al di là di questa mal riuscita, come vengono cotti? per favore qualcuno può postare il metodo e tempo di cottura perchè altrimenti diventiamo tutti bravi a farli ma nessuno a mangiarli

  24. claudia
    claudia at |

    Mi piacerebbe sapere quale magia hai utilizzato per ottenere l’impasto compatto; ho sprecato soldi per poterli preparare e la consistenza che ottengo (seguendo scrupolosamente le quantità scritte) è quella di un composto mucoso e appiccicoso, decisamente non maneggiabile e non edibile sia per consistenza che per odore (pesce).

  25. b.i
    b.i at |

    Salve non trovo da nessuna parte il solfato.. potrei provare a fare gli shitataky con il limone o il nigari?

  26. Thamara
    Thamara at |

    ma conviene comprare la farina? per fare la pasta?

  27. Thamara
    Thamara at |

    ma come mai la pasta alla numero 8 della foto e trasparente come quella che compriamo,e nella numero 9 è come quell alluovo o di colore diverso????

  28. Alessandro
    Alessandro at |

    Salve,
    Premetto che sono un chimico, volevo dare qualche info sull’azione del solfato di calcio. Il calcio è un “catione bimetallico” e questo permette al glucomannano di gelificare e assumere una consistenza lavorabile. In sua assenza questo processo non avviene, se non a opera di un po’ di calcio presente nell’acqua. Questo vuol dire che si possono usare anche altri sali di calcio, come ad esempio calcio cloruro (sebbene sia un po’ amarognolo e conviene sciacquare gli spaghetti) o anche calcio lattato, entrambi più reperibili in commercio del solfato di calcio (chiamato anche Gesso o scagliola, che si trova in ferramenta…). Un’azione simile il calcio la esplica con l’alginato di sodio, usato nella cosidetta cucina molecolare.

  29. Linda
    Linda at |

    Non ho usato solfato di calcio, ma bicarbonato, l’ho fatto col bimby e mi è venuto una specie di riso.
    Eccolo:
    http://cookaround.com/yabbse1/foto/data/35239/medium/I_tentativo_bimby.JPG
    Consistenza giusta, gommosa, ma il gel mi si sgretolava tutto, probabilmente per non aver voluto aggiungere farina.
    Con 6 grammi di farina di glucomannano, ho mangiato 90 gr di risino.
    ciao

  30. Anna Maria
    Anna Maria at |

    Il solfato di calcio oltre a Tibiona lo trovi su ebay Uk

  31. Linda
    Linda at |

    grazie mille Anna Maria, gentilissima,
    quando ho fatto l’ultimo ordine era esaurito purtroppo.
    Il solfato di calcio puro alimentare, anidro, credevo di averlo trovato, ma la farmacia -sbagliando- mi ha ordinato quello emiidrato.
    Leggendo che non va bene per il tofu, non mi sono fidata neanche per gli shirataki.
    Avevo optato per il bicarbonato (o anche lievito per dolci, e vorrei fare altri tentativi col cremor di tartaro), perché ho letto che era un’alternativa.
    Ora, seguendo quanto detto da Alessandro, ho ordinato del calcio cloruro.
    Se non andasse bene neanche con questo, cercherò su ebay uk (ma spero che con un semplice pentolino vada bene, piuttosto che col bimby, che credo abbia sgretolato troppo la massa gelatinosa).

  32. Rosa
    Rosa at |

    Ciao Aldo,
    mi permetto di darti del tu…visto che abbiamo piu’ o meno la stessa età..
    Avrei bisogno del tuo aiuto:
    -ho comprato su Tibiona la farina di Konjac (ma è scura non bianca come la tua!) ed ho provato la tua ricetta…tutto perfetto all’inizio…ho usato una pistola per dolci ed ho direttamente fatto cadere gli spaghetti nell’acqua fredda (per evitare farine e che si incollassero!)
    Risultato…messi nel sugo si sono praticamente sciolti..:-((
    Mi dai un tuo parere/consiglio?
    Mi permetto anche di chiederti come è possibile che su 1kg di soia gialla…mi venga solo mezzo chilo di Tofu…quando tutti dicono che ne producono piu’ di un chilo??
    Che fatica cominciare….:-)) ho proprio bisogno di aiuto!
    Grazie mille!!

  33. Barbie
    Barbie at |

    Qualcuno ha per caso provato a fare la pizza con questa farina? Grazie.

  34. Luca
    Luca at |

    Salve io ancora non ho provato ma lo farò sicuramente… Cmq penso che si possa incartare nel cellophane tutto l impasto intero e poi skiacciarlo con lo schiacciapatate direttamente nella salsa…. ;-)

  35. Deborah
    Deborah at |

    Ho comprato la farina di konjac e aspetto impaziente l’arrivo per cimentarmi anch’io. A differenza vostra vorrei usarla per “allungare” la farina, o meglio il glutine (nel mio caso)
    Mi chiedevo che risultato si potrebbe ottenere senza il solfato di calcio ma semplicemente usandola con acqua e cottura in forno. Qualcuno ha provato?

  36. Ilaria
    Ilaria at |

    Ordinati tutti gli ingredienti
    Nel WEEKND ci provo
    Magari mettere meno acqua
    Poi l impasto passarlo in padella e poi stendere
    No?

  37. Katiuscia
    Katiuscia at |

    Ciao a tutti,
    ho provato farina e solfato, ma purtroppo la pasta ottenuta si sgretola, rimane troppo molle e con poca consistenza.
    Qualcuno di voi ha nel frattempo sperimentato con buoni risultati?
    Forse è meglio provare il bicarbonato?

  38. Mario Pin
    Mario Pin at |

    Esiste in commercio della farina di glucomanno giapponese già dosata per preparare il konjac a freddo. La bollitura si effettua dopo, solo quando si ha già il blocco solido, quindi il lavoro è più pulito. Non ho provato a fare gli shirataki ma il konjac viene bene

    si compra su ebay ma credo si trovi anche altrove

    http://www.ebay.it/itm/121316862559

Per favore commenta con il tuo vero nome e con linguaggio adeguato

Scrivi un commento


*